lunedì 11 luglio 2011

CALABRIA : PARTE IL PIANO BIENNALE 2011-12

Approvato dalla Giunta Regionale della Regione Calabria il “Piano biennale di Prevenzione in edilizia 2011-12″. Il piano prevede lo stanziamento di 330.000 euro da destinare a due obiettivi distinti ma correlati: una massiccia campagna di prevenzione e il potenziamento delle attività di controllo nei cantieri. Obiettivo del piano è ridurre del 10% l’incidenza degli infortuni in edilizia, che in Calabria, come accade in altre regioni italiane, colpiscono duramente i lavoratori: 1160 infortuni, tra cui 3 decessi e 225 casi di inabilità permanente, gli infortuni registrati nel 2009.

Il "Piano" si potrà sviluppare grazie ad una attività sinergica tra le Aziende Sanitarie Provinciali, l'INAIL, l'INPS, e la Direzione Regionale del Lavoro, coordinato dal Dipartimento Regionale Tutela della Salute e Politiche Sanitarie. Una sorta di task-force che effettuerà i controlli nei cantieri; previsti controlli in 1170 cantieri, per cui saranno impegnati 50 uomini, e l’avvio di una campagna di sensibilizzazione attraverso cui si possa attivare un dialogo e un confronto positivo tra imprese e territorio.

Il piano prevede inoltre di far emergere il problema del lavoro sommerso, fenomeno molto diffuso nel settore dell’edilizia e fatalmente connesso all’assenza di tutela per la salute sicurezza dei lavoratori.

A far partire il piano è stato il Presidente della Regione Giuseppe Scopelliti che venerdì 8 luglio, a Catanzaro, presso Palazzo Alemanni, sede della Presidenza, ha partecipato alla presentazione del Progetto "Riduzione infortuni in attuazione del Piano regionale Edilizia". L'iniziativa, finalizzata a dare il via alla campagna informativa in materia di prevenzione in edilizia fortemente voluta dalla Regione e dall'INAIL, è servita anche per illustrare i dati inseriti nel "piano biennale", approvato dalla Regione Calabria lo scorso 29 dicembre.

"C'è un'attenzione prioritaria verso il settore dell'edilizia – ha dichiarato il Presidente della Regione Giuseppe Scopelliti - attraverso un percorso, contenuto nel piano biennale approvato dalla Giunta, che si pone l'obiettivo di ridurre del 10%, nel biennio 2011-2012 gli infortuni mortali o con esiti invalidanti. Si tratta di un percorso - ha poi aggiunto il Governatore Scopelliti - mirato alla formazione di soggetti in grado di avviare controlli nelle imprese. Credo che questo sia uno dei temi su cui puntare in Calabria per accendere i riflettori su un comparto, l'edilizia, dove ci sono difficolta' e sul quale bisogna concentrare gli sforzi anche in materia di contrasto al sommerso''.

Nel 2009 sono stati 1660 gli infortuni sul lavoro, di questi 225 hanno determinato inabilita' permanenti e tre sono stati mortali. Nel corso della conferenza, alla quale hanno preso parte anche la Vicepresidente della Regione Antonella Stasi e Antonino Orlando Direttore Generale del Dipartimento Regionale Tutela della Salute, sono intervenuti, tra gli altri, Mario Lo Polito Direttore Regionale dell'INAIL, Giuseppe Patania Direttore della Direzione Provinciale del Lavoro di Catanzaro e Luigi Ruben Curia Dirigente del Settore area Lea del Dipartimento Regionale Tutela della Salute e Politiche Sanitarie.


Il Dipartimento Tutela della Salute ha dedicato un indirizzo di posta elettronica riferito al Piano regionale di Prevenzione in Edilizia, con il quale tutti i soggetti interessati potranno chiedere informazioni: dirgen.tuteladellasa@regcal.it





Ricordiamo che dati sui rischi in edilizia sono stati pubblicati nelll'articolo del 01/02/2011

L.S.


Fonti QuotidianoSicurezza.it, lameziaclick.com, regione.calabria.it

Nessun commento: