mercoledì 27 luglio 2011

L'RSPP : RUOLO E FUNZIONI

Ai fini dello svolgimento dei compiti di servizio di protezione e prevenzione è richiesto il possesso di un titolo di studio non inferiore al diploma di istruzione secondaria superiore nonché di un attestato di frequenza, con verifica dell’apprendimento, a specifici corsi di formazione adeguati alla natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro e relativi alle attività lavorative
La persona incaricata al Servizio di Protezione e Protezione (SPP) può essere esterno o interno all'azienda, se esterno prende il nome di RSPP (Responsabili SPP), se interno può essere un lavoratore (ASPP - Addetto SPP) o il Datore di Lavoro (DLSPP) stesso. 
Diverso percorso formativo è previsto per gli RSPP-ASPP e i DLSPP.
Per RSPP-ASPP le modalità di svolgimento e i contenuti dei corsi da seguire sono attualmente regolamentati dall’accordo della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano 26 gennaio 2006 il quale ha previsto tre diversi step formativi, il modulo A, che costituisce il corso di base per lo svolgimento della funzione di RSPP e di ASPP e ha durata pari a 28 ore e valore di credito formativo permanente, il modulo B, comune alle due figure professionali di RSPP e ASPP, la cui durata varia dalle 12 alle 68 ore a seconda del macrosettore di riferimento e avente validità quinquennale, infine, il modulo C, di specializzazione, per le sole funzioni di RSPP, inerente alla prevenzione e alla protezione dei rischi, anche di natura ergonomica e psicosociale, comprese le tecniche di comunicazione in azienda e di relazioni sindacali di durata pari a 24 ore. SI ricorda che alcune classi di laurea permettono di essere esonerati dal frequentare i moduli A e B ma lasciano l'obbligo del modulo C e dell'aggiornamento quinquennale del modulo B (clicca quì per scaricare l'allegato).
Per i DLSPP al momento non esiste un percorso normato ma è in fase di attuazione l'Accordo Stato-Regioni che disciplinerà, ai sensi dell’articolo 34 del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, e successive modifiche e integrazioni (di seguito D.Lgs. n. 81/08), i contenuti, le articolazioni e le modalità di espletamento del percorso formativo e dell’aggiornamento per il datore di lavoro. I percorsi formativi saranno articolati in moduli associati a tre differenti livelli di rischio:
  • BASSO 16 ore
  • MEDIO 32 ore
  • ALTO 48 ore
classe stabilita associando ciascun settore Ateco 2002 diappartenenza ad uno dei tre livelli di rischio (clicca quì per scaricare la bozza dell'Accordo Stato-Regioni)

La persona incaricata al SPP è una figura che ha esperienza sulla Sicurezza del lavoro ed è designato dal Datore di Lavore (qualore non ricopre lui stesso tale ruolo) per gestire e coordinare le attività del Servizio di Protezione e Protezione; svolge essenzialmente funzioni e compiti di supporto tecnico ed organizzativo per il datore di lavoro, i dirigenti, i preposti; inoltre ha compiti relazionali con i lavoratori e i loro rappresentanti anche su specifici problemi inerenti la sicurezza del lavoro in azienda.
Ove il datore di lavoro ricorra a persone o servizi esterni non è per questo esonerato dalla propria responsabilità in materia.
I principali compiti/responsabilità che il D.Lgs. 81/08 assegna alla persona responsabile del SPP sono:
  • individuare i fattori di rischio e le misure di sicurezza, ai fini della stesura del D.V.R (documento di valutazione dei rischi), nel rispetto delle normative vigenti;
  • elaborare le misure preventive;
  • elaborare le procedure di sicurezza;
  • proporre programmi di informazione e formazione del personale;
  • partecipare alle consultazioni in materia di tutela della salute e sicurezza;
  • fornire formazione e informazione ai lavoratori.
 L.S.

Nessun commento: