lunedì 29 agosto 2011

CHECK LIST PER LA COMPILAZIONE DEL DVR


La sicurezza nei luoghi di lavoro parte da una fase di valutazione e progettazione che viene palesata con il Documento di Valutazione dei Rischi (DVR) ma nascono ancora dubbi su cosa debba contenere. L'Istituto Superiore per la Prevenzione e Sicurezza sul Lavoro (ISPESL) ha pubblicato una CHECKLIST per la compilazione del DVR e per la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro, strumentoi utile sia in fase di valutazione dei rischio che in fase di redazione o controllo dei DVR.
Ricordiamo che in osservanza del D.Lgs. 81/08, ogni Datore di Lavoro, in relazione alla natura della propria azienda, tenendo nel dovuto conto delle misure generali di tutela dei lavoratori concernenti:
  • la valutazione dei rischi per la salute e la sicurezza 
  • l'eliminazione dei rischi in relazione alle conoscenze acquisite in base al progresso tecnologicoe, ove cio non è possibile, la loro riduzione al minimo;
  • la riduzione dei rischi alla fonte;
  • la programmazione della prevenzione mirando ad un complesso che integra in modo coerente nella prevenzione le condizioni tecniche produttive ed organizzative dell'azienda;
  • la sostituzione di ciò che è pericoloso con ciò che non lo è, ovvero è meno pericoloso;
  • rispetto dei principi ergonometricinella concezione dei posti di lavoro e nella scelta delle attrezzature;
  • la priorità delle misure di prevenzione collettive rispetto a quelle individuali;
  • la limitazione al minimo del numero dei lavoratori che sono, o possono essere esposti al rischio;
  • l'utilizzo limitato di agenti fisici, chimici o biologici sui luoghi di lavoro;
  • il controllo sanitario dei lavoratori esposti a rischi specifici;
  • l'allontanamento del lavoratore dall'esposizione al rischio, per motivi sanitari inerenti la sua persona;
  • le misure di protezione collettiva e individuale;
  • le misure di emergenza da adottare in caso di primo soccorso, di lotta all'incendio, di evacuazione e di pericolo grave ed immediato;
  • l'uso di segnali di avvertimento e di sicurezza;
  • la regolare manutenzione di locali, impianti, macchine e d attrezzature, con particolare riguardo ai dispositivi di sicurezza;
  • l'informazione, la formazione, la consultazione e la partecipazione dei lavoratori, ovvero dei loro rappresentanti, circa le questioni concernenti la sicurezza e la salute nei luoghi di lavoro;
  • le istruzioni ai lavoratori:
è tenuto alla redazione di un documento contenente:
  • una relazione sulla valulazione di tutti i rischi per la sicurezza e la salute durante l'attività lavorativa, nella quale siano specificati i criteri adottati per la valutazione stessa;
  • l'indicazione delle misure di prevenzione e di protezione e dei dispositivi di protezione individuale adottati;
  • il programma delle misure più opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza;
  • l'individuazione delle procedure per l'attuazione delle misure da realizzare, nonchè dei ruoli dell'organizzazione aziendale che vi debbono provvedere, a cui debbono essere assegnati unicamente soggetti in possesso di adeguati competenze e poteri;
  • l'indicazione del nominativo del Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione;
  • l'individuazione delle mansioni che eventualmente espongono i lavoratori a rischi specifici che richiedono una conosciuta capacità professionale, specifica esperienza, adeguata formazione ed addestamento;
il Datore di Lavoro, quindi, che per redigere il DVR deve analizzare i luoghi di lavoro dei quali è responsabile, può avvalersi di opportune checklist, che pur non sostituiendo l'analisi dei luoghi di lavoro, che è, e deve essere il risultato di verifiche dirette delle aree di lavoro, possono risultare assai utili per evitare possibili errori ed omissioni.

La CHECKLIST dell' ISPESL fornisce una linea guida che analizza:

- LE STRUTTURE EDILIZIE: 
  • Altezza, superficie e cubatura;
  • Vie di circolazione, pavimente e passaggi;
  • Vie ed uscite di emergenza;
  • Porte e portoni;
  • Scale e scale di emergenza;
  • Scale portatili;
  • Parapetti;
  • Pareti trasparenti e vetrate;
  • Locali sotterranei;
  • Archivi;
  • Refettori e mense;
  • Aule;
  • Servizi igienici;
  • Illuminazione;
  • Segnaletica di emeregenza;
  • Confort ambientale (temperatura, rumore, ecc...)
  • Pronto soccorso
-  RISCHI:
  • Movimentazione manuale dei carichi;
  • Attrezzature munite di videoterminali;
  • Atrrezzature di lavoro;
  • Dispositivi di Protezione Individuali (DPI)
- MACCHINE ED IMPIANTI:
  • Impianti elettrici e di protezione dalle scariche atmosferiche;
  • Impianti termici;
  • Impianti di condizionamento;
  • Gruppi di produzione di energia elettrica;
  • Ascensori e montacarichi;
  • Apparecchi a pressione;
  • Apparecchi di sollevamento (gru, ...);
  • Ponti sviluppabili su carro
- ATTIVITA' ED ATTREZZATURE DI LOTTA AGLI INCENDI
  •  Analisi del rischio;
  • Piano di emergenza;
  • Certificato di protezione incendi (CPI);
  • Dispositivi portatili di lotta agli incendi (estintori); 
  • Dispositivi fissi di lotta agli incendi (idranti);
  • Attacchi per autopompe dei VV.FF.;
  • Dispositivi di rilevazione incendi;
  • Sistemi REI;
La CHECKLIST fornisce inoltre un elenco di macchine e attrezzature da sottoporre a verifica.

Nessun commento: