venerdì 1 marzo 2013

FRAVECATURE

Riportiamo una poesia di Raffaele Viviano del 1930 tratto da "I Canti del lavoro" a dimostrazione che il tempo passa ma i problemi restano.


 

FRAVECATURE
All'acqua e a 'o sole fràveca
cu na cucchiara 'mmano,
pe' ll'aria 'ncopp'a n'anneto,
fore a nu quinto piano.

Nu pede miso fauzo,
nu muvimento stuorto,
e fa nu vuolo 'e l'angelo:
primma c'arriva, è muorto.

Nu strillo; e po' n'accorrere:
gente e fravecature.
- Risciata ancora... E' Ruoppolo!
Tene ddoie criature!

L'aizano e s' 'o portano
cu na carretta a mano.
Se move ancora ll'anneto
fore d' 'o quinto piano.

E passa stu sparpetuo,
cchiú d'uno corre appriesso;
e n'ato, 'ncopp'a n'anneto,
canta e fatica 'o stesso.

'Nterra, na pala 'e cavece
cummoglia 'a macchia 'e sango,
e 'e sghizze se sceréano
cu 'e scarpe sporche 'e fango.

Quanno ô spitale arrivano,
la folla è trattenuta,
e chi sape 'a disgrazia
racconta comm'è gghiuta.

E attuorno, tutt' 'o popolo:
- Madonna! - Avite visto?
- D' 'o quinto piano! - 'E Virgine!
- E comme, Giesucristo ... ?!

E po' accumpare pallido
chillo c' 'ha accumpagnato:
e, primma ca ce 'o spiano,
fa segno ca è spirato.

Cu 'o friddo dint'a ll'anema,
la folla s'alluntana;
'e lume già s'appicciano;
la via se fa stramana.

E 'a casa, po', 'e manibbele,
muorte, poveri figlie,
mentre magnano, a tavola,
ce 'o diceno a 'e famiglie.

'E mamme 'e figlie abbracciano,
nu sposo abbraccia 'a sposa...
E na mugliera trepida,
aspetta, e nn'arreposa.

S'appenne 'a copp'a ll'asteco;
sente 'o rilorgio: 'e nnove!
Se dice nu rusario...
e aspetta e nun se move.

L'acqua p' 'o troppo vóllere
s'è strutta 'int' 'a tiana,
'o ffuoco è fatto cénnere.
Se sente na campana.

E 'e ppiccerelle chiagneno
pecché vonno magna':
- Mammà, mettímmo 'a tavula!
- Si nun vene papà?

'A porta! Tuzzuléano:
- Foss'ísso? - E va 'arapi'.
- Chi site? -'O capo d'opera.
Ruoppolo abita qui?

- Gnorsì, quacche disgrazia?
Io veco tanta gente...
- Calmateve, vestíteve...
- Madonna! - 'E cosa 'e niente.

'E sciuliato 'a l'anneto
d' 'o primmo piano. - Uh, Dio!
e sta ô spitale? - E logico.
- Uh, Pascalino mio!

E ddoie criature sbarrano
ll'uocchie senza capi';
a mamma, disperannose,
nu lampo a se vesti';

e cchiude 'a dinto; e scenneno
pe' grade cu 'e cerine.
- Donna Rache'! - Maritemo
che ssà, sta ê Pellerine.

E' sciuliato 'a ll'anneto.
Sì, d' 'o sicondo piano.
E via facenno st'anneto,
ca saglie chiano chiano.

- Diciteme, spiegateme.
- Curaggio. - E' muorto?! - E' muorto!
D 'o quinto piano. 'All'anneto.
Nu pede miso stuorto.

P' 'o schianto, senza chiagnere,
s'abbatte e perde 'e senze.
E' Dio ca vo' na pausa
a tutte 'e sufferenze.

E quanno 'a casa 'a portano,
trovano 'e ppiccerelle
'nterra, addurmute. E luceno
'nfaccia ddoie lagremelle.
Traduzione:
Muratori

Sotto la pioggia e al sole lavora il muratore
con in mano la cazzuola
sospeso su un’impalcatura,
fuori, al quinto piano.

Un piede in fallo,
un movimento sghembo,
e vola come un angelo:
prima di giungere, è morto.

Un grido e poi accorrono:
gente e muratori.
– Ancora respira… è Ruoppolo!
Ha due bimbi piccoli!

Lo sollevano e lo allontanano
su una barella a mano.
Si muove ancora l’asse
fuori al quinto pianto.

E passa questo corteo,
più di uno lo rincorre;
mentre un altro, sull’impalcatura
canta e continua a lavorare.

Per terra un mucchio di calce
nasconde la macchia di sangue,
e gli schizzi si diffondono
con le scarpe sporche di fango.

Quando giungono all’ospedale,
la folla resta fuori,
e chi è a conoscenza della disgrazia
racconta com’è accaduta.

E intorno il popolo:
– Madonna! – Avete visto?
– Dal quinto piano! – Vergine…
– E come… Gesù Cristo…

Poi appare, pallido,
chi l’ha accompagnato:
e, prima che gli chiedano,
fa segno che è spirato.

Col freddo nell’anima,
la folla s’allontana;
già si accendono le luci della sera;
la strada diventa tortuosa.

A casa, poi, i compagni
smorti, poveri figli,
lo raccontano alle famiglie
a tavola, mentre mangiano.

Le mamme abbracciano i figli,
lo sposo abbraccia la sposa…
e una moglie, trepidante,
attende e non s’acquieta.

Si affaccia al balcone,
sente l’orologio: le nove!
Recita un rosario…
E aspetta e non si muove.

L’acqua si consuma in pentola
per il troppo bollire,
il fuoco è fatto cenere.
Si sente una campana.

I piccoli piangono
perché vogliono mangiare:
– Mamma, mettiamo a tavola!
– Se non viene papà…

La porta! Bussano:
– È lui? – Va ad aprire.
– Chi siete? – Il capo d’opera.
Ruoppolo abita qui?

– Sì, qualche disgrazia?
Vedo tanta gente…
– Calmatevi, vestitevi…
– Madonna! – Non è successo niente.

– È scivolato dall’impalcatura
dal primo piano. – Uh, Dio!
Ed è all’ospedale? – È logico.
– Uh, Pasqualino mio!

I due piccoli sbarrano gli occhi
senza intendere;
la mamma, disperandosi,
si vestì in un lampo,

e li chiude in casa; e scendendo
i gradini con una candela.
– Donna Rache’ – Mio marito
forse è al Pellegrini.

È scivolato dall’impalcatura.
Sì, dal secondo piano.
E man mano quest’impalcatura
sale piano piano.

– Ditemi, fatemi capire.
– Coraggio. – È morto?! – È morto!
Dal quinto piano. Dall’impalcatura.
Mise un piede in fallo.

Per il dolore, senza piangere,
cade e perde i sensi.
È Dio che dà una pausa
A tutte le sofferenze.

E quando la riaccompagnano a casa,
trovano i piccoli
a terra, addormentati. E brillano
in volto due lacrime.

Nessun commento: